FORTE CORBIN

Fotografie gentilmente fornite da Fam. Panozzo, Archivio Storico Dal Molin e dalla ASC Fronte Sud Altopiano 7 Comuni

Realizzato fin dal 1906 su uno sperone di roccia a picco sulla Val d’Astico costituiva il meglio dell’ingegneria militare del tempo tanto da costituire un esempio “tipico” di fortezza italiana di alta montagna. Durante le prime fasi del conflitto la carenza di cannoni di medio calibro in zona avanzata portò a smontare i pezzi delle cupole inserendo al loro posto dei tronchi d’albero per fare ritenere al nemico che il forte fosse ancora in piena efficienza. Il 15 maggio 1916 durante la “Strafexpedition” Forte Corbin venne infatti colpito dagli austriaci con proiettili di grosso calibro sia da 380 che da 420 mm. La fortificazione restò in mani austriache sino al 25 giugno dopo che in quei fatti di guerra vi avevano perso la vita una ventina di soldati austriaci e una quarantina di italiani. Nel primo dopoguerra la struttura fu utilizzata per qualche anno come alloggio per militari in addestramento per poi essere successivamente spogliata dai “recuperanti” delle sue strutture in ferro. Ristrutturato compiutamente solo in tempi recenti è oggi perfettamente visitabile grazie all’impegno della Famiglia Panozzo che lo ha reso un museo e tuttora lo gestisce. Ne consigliamo assolutamente la visita (per comitive e scolaresche su appuntamento).

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti:

telefono 349.2685543 / 368.227954

sito internet: www.fortecorbin.it 

e-mail:  fortecorbin@tiscali.it